fbpx
 

“Vietare i subappalti nella filiera della carne”. Dal Parlamento Ue la richiesta anti-sfruttamento

5 Ottobre 2021by 0

Dopo l’inchiesta del Guardian sullo sfruttamento dei lavoratori della filiera della carne, l’Europarlamento discute sul divieto dell’UE su tutto il lavoro in subappalto. Il giornale britannico aveva rivelato come i lavoratori interinali siano stati sfruttati da aziende che non si assumevano alcuna responsabilità per la retribuzione e le condizioni.

Il dibattito

Katrin Langensiepen, vicepresidente della commissione per l’occupazione e gli affari sociali del Parlamento europeo, ha affermato che l’Ue dovrebbe vietare il subappalto in tutti i settori economici per garantire che i lavoratori ricevano la stessa retribuzione e condizioni per lo stesso lavoro. “Se hai un dipendente che lavora per te, devi pagare per lui o lei. Punto e basta”, ha detto Langensiepen. Tomáš Zdechovský, eurodeputato ceco di centrodestra e altro vicepresidente della commissione per l’occupazione, ha affermato che non si spingerebbe fino a vietare il subappalto, ma ha affermato che le aziende devono garantire che tutti i lavoratori siano soggetti alle stesse regole. “Mentre dobbiamo dare alle aziende la possibilità di utilizzare i lavoratori in subappalto per rispondere a esigenze specifiche che emergono in momenti specifici, come durante la pandemia, l’UE deve anche garantire che i subappaltatori seguano le stesse regole applicabili al resto dei lavoratori nelle aziende che utilizzare i loro servizi”.

Problemi anche nella filiera delle consegne

I problemi nell’industria della carne, riporta il Guardian, erano evidenti anche in altre industrie ad alta intensità di lavoro, come l’edilizia e la consegna di cibo, ha affermato Claes-Mikael Ståhl, vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati (CES). “Esiste una lunga catena di subappalto, fatta di strutture per consentire alla concorrenza a basso salario di accogliere migranti a basso costo e in condizioni precarie”.

2 milioni di lavoratori distaccati

Nel 2018, l’UE ha accettato di rivedere le norme sui “lavoratori distaccati”, i cittadini dell’UE inviati dal loro datore di lavoro a lavorare in un altro Stato membro. “I lavoratori distaccati – scrive il Guardian – pagano i contributi previdenziali nazionali nel loro paese d’origine, piuttosto che nel paese in cui lavorano. Ciò consente ai lavoratori distaccati dei paesi dell’Europa centrale e orientale di offrire servizi più economici nell’Europa occidentale, dove il costo del lavoro è più elevato. I lavoratori distaccati sono solo circa 2 milioni di persone, meno dell’1% della forza lavoro, rispetto a 17 milioni di “lavoratori mobili”, ovvero cittadini dell’UE che si avvalgono del loro diritto di vivere o lavorare in altri Stati membri.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase