fbpx
 

L’Ue cambierà le regole per fermare il falso miele cinese

15 Ottobre 2021by 0

L’Unione europea cambierà le sue regole sull’etichettatura degli alimenti per impedire che il falso miele cinese venga segretamente spacciato per buono, come concordato in una riunione tra i ministri dell’agricoltura europei e nazionali e il commissario per l’agricoltura dell’Ue. A riportare la notizia Politico.eu, che ricorda come il miele sia uno dei prodotti più frequentemente adulterati al mondo. Per questo gli apicoltori dell’Ue si lamentano da tempo di essere stati penalizzati dalla produzione di miele di bassa qualità su scala industriale in Cina, il più grande produttore di miele del mondo. “Lì, è comune per i produttori di miele mescolare lo sciroppo di zucchero, una pratica che non soddisfa gli standard dell’Ue ma è difficile da rilevare” spiega Politico.

Le attuali regole

Le attuali regole di etichettatura dell’UE per il miele richiedono già che l’etichetta indichi il paese di origine dell’UE, ma quando si tratta di una miscela di miele di paesi diversi, le categorie sono vaghe, indicando semplicemente UE, non UE o una miscela. La spinta per un’etichettatura “dettagliata e univoca” delle miscele di miele è stata guidata da Francia, Portogallo e soprattutto dalla Slovenia, terra di apicoltori dilettanti, che ha utilizzato la sua presidenza del Consiglio dell’UE per spingere la questione in agenda.

La Slovenia in prima fila

Il ministro dell’Agricoltura sloveno Jože Podgoršek ha dichiarato durante una conferenza stampa che il commissario Ue per l’agricoltura Janusz Wojciechowski ha “riconosciuto la necessità di modificare le norme sull’etichettatura. Lo stesso vale per gli Stati membri: una grande maggioranza di essi ha espresso il proprio sostegno”. Podgoršek ha aggiunto che la Commissione ha indicato i piani per preparare un progetto di direttiva rivista sul miele. La Slovenia vuole che i paesi di origine delle miscele di miele siano nominati individualmente sulle etichette. Il ministro ha affermato che alcuni paesi dell’Ue vogliono anche che la nuova etichetta indichi quale percentuale di miele nella miscela proviene da ciascuna contea. Il ministro sloveno ha affermato che la proposta sarà probabilmente finalizzata durante la presidenza francese del Consiglio dell’UE all’inizio del prossimo anno.

 

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase