fbpx
 

Sale e ipertensione, lo studio spiega quando i sostituti al potassio e magnesio sono davvero utili

20 Ottobre 2021by 0

Consumare poco sale è il mantra per le persone che soffrono di ipertensione, ma a volte è veramente difficile gustare un piatto senza sodio. Negli scaffali dei supermercati vengono offerti loro anche sostituti a base di potassio o magnesio.

Lo studio

Molto popolari un tempo, i sali “dietetici” oggi sono messi in discussione. Per questo, come riporta Que Choisir, un team cinese ha valutato, in 5 anni, l’impatto di un sostituto (75% sodio, 25% potassio) su pazienti che avevano già avuto un ictus o la cui pressione sanguigna era sbilanciata. Erano quindi ad alto rischio di complicanze. Secondo i ricercatori, che hanno pubblicato i risultati sul New England Journal of Medicine, per questo specifico pubblico, l’uso di surrogati può essere utile.

Ictus meno comuni

Più volontari che hanno continuato a consumare sale come al solito hanno avuto un ictus durante il follow-up rispetto a quelli che hanno assunto sostituti. Anche altri incidenti cardiovascolari, come gli attacchi di cuore, erano più comuni. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, l’eccesso di potassio nel sangue (iperkaliemia) è comune con i sostituti del mercato. In questo studio, questo rischio era simile nei due gruppi. “Senza essere una bacchetta magica, l’uso di sostituti equilibrati potrebbe quindi essere una misura complementare ai farmaci” conclude

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase