fbpx
 

Altro che al tramonto, il glifosato continua ad aumentare il fatturato globale

22 Ottobre 2021by 0

L’uso del’erbicida considerato un potenziale cancerogeno, al centro di divieti e restrizioni in Italia e in Europa, continui in realtà a crescere a livello globale. Il dato viene fuori dal rapporto “Global Glyphosate Industry” di Reportlinker.com.

Il picco nel 2026

Il mercato globale del glifosato stimato a 7,6 miliardi di dollari nel 2020 dovrebbe raggiungere 8,9 miliardi di dollari entro il 2026, registrando un tasso di crescita annuale composto (Cagr) del 3,0% nel periodo di analisi. Gli Stati Uniti rappresentano il più grande mercato regionale per il glifosato, con una quota stimata del 30,1% del totale globale nel 2020. Si prevede che il mercato, stimato a 2,3 miliardi di dollari nel 2020, raggiungerà i 2,9 miliardi di dollari entro la fine del periodo di analisi. La Cina dovrebbe guidare la crescita ed emergere come il mercato regionale in più rapida crescita con un Cagr del 5,0% nel periodo di analisi. Per applicazione, il mercato globale delle colture convenzionali è stimato a 5,5 miliardi di dollari nel 2020 e si prevede che raggiungerà i 6,5 miliardi di dollari entro il 2026, riflettendo un tasso di crescita annuale composto del 3,2% nel periodo di analisi.

il ruolo dell’Asia

L’Asia-Pacifico (compresi Cina e Giappone) rappresenta il più grande mercato per il glifosato, seguito dagli Stati Uniti. Sebbene si prevede che gli Stati Uniti continueranno a mantenere la propria importanza nei prossimi anni, la crescita dovrebbe provenire principalmente dalle regioni in via di sviluppo, in particolare dall’Asia-Pacifico. La regione è anche quella in più rapida crescita nel periodo di analisi 2020-2027. L’Asia-Pacifico è pronta a produrre la massima crescita per il riso Ogm e altre colture transgeniche nel prossimo futuro. Secondo il rapporto, “In questi paesi in via di sviluppo, l’espansione della popolazione, l’aumento dei livelli di reddito e la rapida tendenza all’urbanizzazione stanno avendo un impatto significativo sulle tendenze dell’industria alimentare e delle bevande. È probabile che la Cina e l’India siano in prima linea nella crescita del mercato del glifosato con progressi attribuiti al rapido sviluppo economico, al cambiamento degli stili di vita dei consumatori, all’aumento della popolazione, all’aumento dei livelli di reddito e all’aumento della domanda di cibo”.

La situazione negli Usa e in Europa

Le regioni sviluppate tra cui Stati Uniti, Canada, Europa e Giappone continuano a generare opportunità per il glifosato. Gli Stati Uniti sono stati i principali utilizzatori dell’erbicida innovativo e insieme all’Europa hanno fatto la parte del leone nel consumo totale di glifosato negli anni ’80 e ’90. Tuttavia, la quota degli Stati Uniti e di altri paesi sviluppati ha mostrato una decelerazione costante dalla fine degli anni ’90 in poi con un uso più ampio di vari prodotti agrochimici nelle regioni emergenti, in particolare in Asia. Le crescenti preoccupazioni per i residui chimici nei prodotti agricoli e il costante spostamento verso metodi di coltivazione sostenibili hanno anche contribuito alla diminuzione della quota mondiale nelle vendite di glifosato nel mondo sviluppato. Attualmente, il mercato del glifosato è in grave stress poiché diversi paesi in Europa e stati degli Stati Uniti stanno imponendo restrizioni all’uso del glifosato. “Sebbene la maggior parte di tali restrizioni si concentri su applicazioni non coltivate, è probabile che il continuo dibattito sul presunto ruolo dell’erbicida nel causare il cancro e le malattie renali abbia un impatto sulle vendite complessive nel mondo sviluppato nel prossimo futuro” scrive il rapporto. Sarà così? Intanto, i numeri dicono altro.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase