fbpx
 

I big dell’agricoltura pagano i piccoli per intrappolare CO2 nel suolo. Ancora greenwashing?

26 Ottobre 2021by 0

Le più grandi aziende agricole globali spingono gli agricoltori a partecipare a programmi che mantengono l’anidride carbonica nel suolo che riscalda l’atmosfera. Secondo un’inchiesta della Reuters, i produttori di fertilizzanti Nutrien Ltd e Yara, il colosso agroalimentare Cargill e i rivenditori di sementi e prodotti chimici Corteva Bayer pagano i coltivatori per ogni acro di terra dedicato all’intrappolamento del carbonio nel sottosuolo. Le ambizioni di mettere in pratica questa strategia delle società si estendono dagli Stati Uniti al Canada, al Brasile, all’Europa e all’India, hanno detto i dirigenti a Reuters. “Gli agricoltori catturano il carbonio piantando colture fuori stagione, coltivando meno il terreno e utilizzando fertilizzanti in modo più efficiente. Registrano le loro pratiche su piattaforme digitali per generare un credito di carbonio. Le aziende agricole utilizzano i crediti per compensare l’impatto climatico di altre parti delle loro attività o venderli a società che cercano di ridurre la propria impronta di carbonio” scrive Reuters.

Le critiche

Secondo Reuters, alcuni agricoltori vedono con sospetto i programmi gestiti dalle gigantesche corporazioni agricole, come un metodo per raccogliere i loro dati che verranno utilizzati per vendere loro più prodotti, secondo le interviste con più di una dozzina di agricoltori, analisti e gruppi di agricoltori. “Altri critici si chiedono se sia anche possibile per gli agricoltori garantire di mantenere il carbonio sottoterra perché semplicemente girando il terreno si possono annullare gli sforzi per immagazzinarlo”.

I vantaggi

Il sequestro del carbonio, tuttavia, può fornire un nuovo flusso di entrate per gli agricoltori che cercano di diversificare in un settore volatile. Le tecniche agricole richieste da tali programmi offrono l’ulteriore promessa di realizzare rese più elevate da terreni più sani che dipendono meno dai prodotti chimici. “Sperando di essere ricompensato per aver ridotto la lavorazione del terreno e piantato una coltura di copertura nella sua fattoria centrale dell’Illinois, Matt Tracy ha iscritto 548 acri nel programma RegenConnect di Cargill, scegliendolo rispetto a uno simile offerto da Bayer a causa del suo contratto a breve termine di una sola stagione” scrive Reuters, “Rimane soddisfatto della sua decisione anche dopo che Bayer, il cui programma richiede un impegno di 10 anni, ha iniziato a offrire bonus di iscrizione fino a mille dollari”.

Il rischio di greenwashing

Ma secondo Alejandro Plastina, professore associato di economia presso la Iowa State University, la maggior parte degli impegni aziendali sono vaghi, e gli acri nei progetti pilota rimangono piccoli. “A un costo contenuto, le aziende agricole possono mostrare la loro responsabilità sociale, garantendo al tempo stesso la fedeltà degli agricoltori alle loro piattaforme digitali che possono trasformarsi in maggiori vendite di forniture agricole lungo la strada”, ha affermato Plastina. “Dà (alle aziende agricole) l’opportunità di associare i loro marchi alla cura per il mondo”, ha affermato Plastina. “Non mi aspetto che facciano soldi con questi progetti in tempi brevi”.

 

Gli agricoltori  danno ai programmi recensioni contrastanti

“È un’idea terribile”, ha detto l’agricoltore del Manitoba Gunter Jochum, presidente della Western Canadian Wheat Growers Association. Mentre secondo la National Farmers Union del Canada in una presentazione al governo canadese, il principio dei programmi è “essenzialmente impraticabile”, perché il sequestro del carbonio non è permanente, specialmente in un clima caldo. Ma l’agricoltore del North Dakota Justin Topp ha deciso di provare la coltivazione del carbonio. Ha impegnato 12.000 acri, o l’80% della sua terra, per il programma di Nutrien, scegliendolo su altri quattro.

Il peso dell’agricoltura nel cambiamento climatico

Secondo le Nazioni Unite, l’agricoltura copre quasi il 40% della superficie mondiale ed è responsabile del 17% delle emissioni globali. Le modifiche alle pratiche agricole potrebbero sequestrare fino a 250 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno negli Stati Uniti, o il 4% delle emissioni del paese, secondo un rapporto del 2019 della National Academy of Sciences.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase