fbpx
 

Pesticidi in Alto Adige, ritirate 1374 querele ma rimangono le ultime due contro la libertà di stampa

29 Ottobre 2021by 0

Venerdì 29 ottobre si tiene la nuova udienza del processo sui pesticidi a carico di Karl Bär, collaboratore dell’Umweltinstitut München attualmente in congedo per la sua elezione al Bundestag tedesco. Bär dovrà comparire per la quarta volta davanti al Tribunale di Bolzano per aver criticato pubblicamente l’elevato impiego di pesticidi nei meleti dell’Alto Adige/Südtirol. Per contro, il 28 maggio scorso l’autore e regista austriaco Alexander Schiebel, accusato anch’egli di diffamazione aggravata nei confronti dell’agricoltura altoatesina, è stato assolto.

La prima assoluzione

In quell’occasione la Corte ha ritenuto che Schiebel non avesse commesso il reato di diffamazione. In quel caso la motivazione della sentenza, resa ora disponibile, afferma che i “frutticoltori altoatesini” non erano chiaramente identificabili e quindi non potevano essere incriminati. Pertanto nessun reato era stato commesso. Secondo l’avvocato difensore, Nicola Canestrini, tale argomentazione può essere applicata anche al caso di Karl Bär. “Le critiche degli ecologisti – spiega l’avvocato –, se si basano sulla verità dei fatti, non sono reato come ha già accertato ripetutamente il tribunale di Bolzano: ecco perché ci aspettiamo che tutti i contadini ritirino immediatamente le querele temerarie”. Nel suo libro “Das Wunder von Mals” e nell’omonimo film Schiebel aveva infatti criticato aspramente l’elevato uso di pesticidi nei meleti della nota regione turistica Alto Adige/Südtirol.  L’Umweltinstitut considera tale assoluzione un segnale chiaro a tutela della libertà d’espressione e di buon auspicio per il processo contro Karl Bär. “Il tribunale si è pronunciato: nessun agricoltore può affermare di essere vittima di diffamazione solo perché qualcuno mette fondamentalmente in discussione l’alto uso di pesticidi in agricoltura – commenta Fabian Holzheid, direttore politico dell’Umweltinstitut München –. La sentenza nel caso di Alexander Schiebel lo conferma: la critica all’uso dei pesticidi nell’agricoltura altoatesina non può e non deve essere soppressa da accuse infondate e calunniose”.

La storia

Bär era stato denunciato dall’assessore all’agricoltura della Provincia Autonoma di Bolzano Arnold Schuler e da oltre 1370 agricoltori altoatesini a seguito di una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica realizzata dall’Umweltinstitut nell’estate del 2017. “A luglio 2021 la maggior parte delle querele erano state ritirate, -scrive in una nota Umweltinstitut Italia – ma poiché due fratelli hanno scelto di mantenere in essere le proprie, il processo ora va avanti continuando a tenere sotto scacco l’accusato: in caso di condanna, migliaia di contadini altoatesini potrebbero chiedere il risarcimento di danni in un successivo procedimento civile, che potrebbe arrivare a milioni di euro“. “Abbiamo detto le cose come stanno e questo, in una democrazia, non deve comportare il rischio di farti finire in tribunale. Inoltre possiamo provare con dati alla mano che la nostra critica corrisponde ai fatti” sottolinea Bär.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase