fbpx
 

Dopo l’Uk, anche la Spagna vieta gli spot di cibi spazzatura per bambini in tv e sul web

3 Novembre 2021by 0

Il ministero spagnolo dei consumatori ha annunciato che vieterà la pubblicità di cibi e bevande non salutari destinati a bambini e adolescenti tramite TV, radio, social media, siti Web, applicazioni, cinema e giornali. I prodotti inclusi nel divieto vanno da cioccolato e caramelle, a biscotti, dessert, succhi e gelati, tra gli altri.

L’autoregolamentazione non ha funzionato

Il dipartimento, spiega El Pais che riporta la notizia, regolerà i prodotti che potranno essere pubblicizzati durante i periodi in cui i bambini guardano questi media utilizzando i profili nutrizionali restrittivi dell’Organizzazione mondiale della sanità. Il ministro per i consumatori, Alberto Garzón, ha spiegato che il cosiddetto “Codice Paos”, che l’industria alimentare ha utilizzato per l’autoregolamentazione dal 2005, si è dimostrato “insufficiente”. Pertanto, Garzón ha scelto di utilizzare un decreto come strumento per ridurre i tassi allarmanti dell’obesità infantile in Spagna. “È un serio problema di salute pubblica”, ha dichiarato.

“Nutri-score non adatto a questa regolamentazione”

Garzón, membro della sinistra Unidas Podemos, il partner minore della coalizione di governo guidata dal Partito Socialista, ha spiegato che la regolamentazione di tale pubblicità non sarebbe stata controllata, come aveva inizialmente previsto, utilizzando il sistema “Nutri-Score”. “La valutazione a semaforo per cibi e bevande si basa sui valori nutrizionali, ma non è stata esente da controversie – spiega El Pais – Ad esempio, assegna valutazioni positive ad alcuni alimenti altamente trasformati, assegnando allo stesso tempo un punteggio negativo a un prodotto come l’olio d’oliva. Invece, per il sistema futuro verranno utilizzati i suddetti standard dell’Oms”.

Le categorie interessate

Il regolamento, che entrerà in vigore il prossimo anno, interesserà cinque categorie di prodotti che non saranno pubblicizzati ai minori indipendentemente dal loro contenuto nutrizionale. Si tratta di caramelle a base di cioccolato o zucchero, barrette energetiche, topping dolci e dessert; un gruppo di prodotti tra cui torte, biscotti dolci o biscotti e altri prodotti da forno; e poi altre tre categorie che comprendono succhi, bevande energetiche e gelati.

Quando ci sarà lo stop degli spot

Secondo i piani del ministero, la pubblicità di prodotti non salutari sarà vietata tutto il giorno sui canali tv per bambini, mentre sarà limitata sulla radio o su altri canali tv prima, dopo e durante i periodi in cui i minori di 16 anni guarderanno. I social media, le applicazioni, internet e la stampa non conterranno pubblicità rivolta ai minori di 16 anni.

Dati preoccupanti

Secondo lo studio Aladino 2019, che si basa su sondaggi sui bambini dai sei ai nove anni, in Spagna il 40,6% di questi minori è al di sopra del peso raccomandato, mentre il 23,3% è in sovrappeso e il 17,3% è obeso. Lo studio, condotto dall’Agenzia spagnola per la nutrizione e la sicurezza alimentare, mostra che i genitori di bambini in sovrappeso non considerano il problema un problema e spesso considerano il peso del loro bambino normale o solo leggermente sovrappeso.

La decisione della Gran Bretagna

In Gran Bretagna, lo scorso giugno, il governo di Boris Johnson ha formalizzato la presentazione di un progetto di legge che dal 2023 vieterà la pubblicità televisiva dei prodotti alimentari o delle bevande più caloriche (junk food, o cibo-spazzatura) prima delle 21 nell’ambito della battaglia contro la piaga sempre più diffusa dell’obesità nel Regno Unito, soprattutto infantile.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase