fbpx
 

Gran Bretagna, la Gdo firma impegno con Wwf per ridurre l’impatto ambientale dei prodotti

9 Novembre 2021by 0

Sarà davvero “carrello verde”? In un annuncio fatto al vertice Cop26, i leader di Co-op, M&S, Sainsbury’s, Tesco e Waitrose, quattro grandi catene di grande distribuzione organizzata britanniche hanno firmato l’”Impegno dei rivenditori per la natura del Wwf”. Nella dichiarazione congiunta, riportata da FoodNavigator, scrivono: “In qualità di Ceo dei principali rivenditori alimentari del Regno Unito, riconosciamo che un futuro senza natura è un futuro senza cibo. Entro il 2030 dobbiamo collettivamente fermare la perdita della biodiversità.”​ I progressi saranno monitorati dal Wwf, che ricorda come il settore alimentare globale sia responsabile di oltre il 30% delle emissioni climatiche totali e del 60% della perdita della natura. L’amministratore delegato del Wwf, Tanya Steele, ha dichiarato: “Non possiamo affrontare il cambiamento climatico e mantenere l’aumento della temperatura globale a 1,5°C senza arrestare la perdita della biodiversità – e non possiamo salvare la natura senza cambiare ciò che c’è sugli scaffali dei nostri supermercati”.​

Come verrà applicato?

Secondo quanto spiegato dall’organizzazione ambientalista, i rivenditori dovranno agire su ciascuna area del “Wwf Basket”, che possiamo tradurre come “paniere Wwf”, o trattandosi di spesa, anche “carrello Wwf”. Questo si concentra su sette di quelle che l’Ong definisce le questioni ambientali più urgenti e devastanti su cui il sistema alimentare ha un impatto: cambiamento climatico, deforestazione e conversione, agricoltura , marine, imballaggi, rifiuti alimentari e diete. Sotto ciascuna di queste aree si trovano diverse sottomisure che rappresentano le aree prioritarie di intervento per guidare il cambiamento. Ad esempio, ridurre il metano prodotto dal bestiame per affrontare il cambiamento climatico; o garantire che le risorse idriche nelle principali regioni di approvvigionamento di frutta e verdura siano gestite in modo sostenibile.

La valutazione annuale

I passi che questi supermercati stanno intraprendendo confluiranno nella valutazione annuale del Wwf che seguirà i progressi complessivi del settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari, sperando che siano in linea con le ambizioni del governo di porre fine alla deforestazione e alla distruzione dell’ecosistema nelle principali catene di approvvigionamento del Regno Unito. Il Wwf ha definito questo un passo importante poiché la maggior parte dell’olio di palma (89%) e della soia (65%) importati nel Regno Unito proviene da paesi con alti tassi di deforestazione e distruzione dell’habitat. “Le promesse fatte da questi amministratori delegati – aggiunge Steele – stanno cambiando le regole del gioco e speriamo che altri rivenditori di generi alimentari seguano le loro orme in modo che ogni acquirente possa essere sicuro che i prodotti che acquista non alimentano la crisi climatica e spingono la preziosa fauna selvatica più vicino all’orlo”.​

L’esempio di Tesco

“L’impegno dei rivenditori per la natura del Wwf si basa sul lavoro avviato dal Wwf con Tesco per ridurre l’impatto ambientale della produzione alimentare in aree chiave” scrive FoodNavigator. Il Ceo di Tesco Ken Murphy ha dichiarato: “Affrontare l’impatto che il sistema alimentare ha sul nostro pianeta richiederà un cambiamento trasformativo e la collaborazione in tutto il settore. In Tesco abbiamo già ottenuto enormi risultati, compreso l’utilizzo di elettricità rinnovabile al 100% nelle nostre operazioni nel Regno Unito e in Europa, l’introduzione di un’ampia gamma di prodotti a base vegetale per i nostri clienti, la rimozione di oltre 1 miliardo di pezzi di plastica, la riduzione degli alimenti rifiuti nelle nostre operazioni di oltre il 40% e sperimentando innovazioni rivoluzionarie nelle nostre filiere agricole per ridurre le emissioni, come l’uso di proteine ​​​​di insetti come mangime per animali. Abbiamo anche fissato obiettivi ambiziosi per raggiungere lo zero netto nelle nostre operazioni entro il 2035 e in tutta la nostra impronta di emissioni totale, comprese le nostre catene di approvvigionamento e i nostri prodotti, entro il 2050”.​

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase