fbpx
 

Crisi dei container, i giocattoli che rischiano di non arrivare a Natale

16 Novembre 2021by 0

I ritardi nei trasporti dei container e il relativo aumento ha fatto paventare da più parti il rischio che, quest’anno, a Natale, si rischino negozi di giocattoli sguarniti e regali ordinati per tempo in ritardo rispetto al tradizionale appuntamento sotto l’albero addobbato. Ma è davvero così? Si prospetta un Natale con pochi doni?

Quali giocattoli rischiano

Se l’è chiesto il portale dei consumatori francesi, Que Choisir, che per l’occasione ha girato la domanda a Frédérique Tutt, esperta di mercato globale dei giocattoli presso NPD Group, specialista in analisi internazionali di diversi settori di attività. “La domanda globale di giocattoli è molto forte, in crescita del 13% rispetto al 2020 e addirittura del 27% se ci riferiamo al 2019″, afferma. Bisogna produrre di più, l’offerta deve adattarsi alla domanda, che è molto forte fino a metà novembre. È complicato. I prodotti arrivano dall’Asia in ritardo”. E si aggiungono a questo panorama le tensioni su container, barche e autotrasporto. “Non avremo scaffali vuoti prima di Natale, ma forse rotture più grandi del solito sui giocattoli di punta. Tuttavia, troveremo sempre una scelta nella gamma desiderata “, conclude Frédérique Tutt. “Gli aumenti dei prezzi nel trasporto marittimo hanno un impatto principalmente sui prodotti ingombranti”, afferma invece la catena PicWic Toys, “Alcuni giocattoli rimarranno in Asia. Quando il costo del trasporto di un grande peluche passa da 4 a 40 euro, rinunciamo per non dover aumentare più di tanto il prezzo”.

I produttori europei avvantaggiati

Sebbene rimanga la maggioranza, ricorda QueChoisir, la quota di giocattoli dalla Cina è in calo. Dal 70% di 15 anni fa è sceso al 57% di oggi, a favore dei marchi europei. Se i colossi americani come Hasbro o Mattel producono ancora in Cina, se molto spesso anche i giocattoli elettronici hanno origine lì, il numero 1 al mondo, Lego, è prodotto in Europa per il mercato interno, mentre Playmobil e Ravensburger hanno le loro fabbriche principali in Germania. Per quanto riguarda il marchio Smoby, i suoi giocattoli provengono principalmente dalla Francia. I produttori del settore situati in Europa non hanno quindi problemi logistici. Non stanno soffrendo per l’esplosione del prezzo dei container in partenza dall’Asia, quindi è improbabile che i loro giocattoli e giochi ne risentano.

Saliranno i prezzi?

I cataloghi dei giocattoli sono usciti prima del forte aumento dei prezzi del trasporto in container. I prezzi sono  dunque vincolanti per i distributori “, spiega Alain Ingberg, presidente dell’Associazione dei produttori e creatori di giocattoli francesi, “Sul versante retail si parla di un rialzo limitato all’inflazione. Ma potrebbe essere più forte dopo la fine della validità dei cataloghi, che impongono prezzi massimi, in particolare sugli ultimi arrivi di giocattoli dalla Cina, trasportati a prezzi proibitivi.

il Salvagente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Chi SiamoCentro Servizi Casabase
Un interlocutore unico, per ogni tua esigenza.
Compila i tuoi documentiServizi Online
SitemapI Nostri Servizi
Resta in contatto con noiI Social di CASABASE
Seguici sulla nostra pagina Facebook.

© Centro Servizi Casabase

© 2020 – Centro Servizi Casabase